Non c’è Festa di San Giuseppe senza Zeppole!

peppino.fotoLe zeppole di San Giuseppe fritte sono un dolce tipico italiano, la cui tradizione risale addirittura ai romani. Secondo antiche leggende, dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, San Giuseppe dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia in terra straniera e, per questo motivo, i romani gli diedero il simpatico appellativo di “frittellaro”.

Proprio per questo motivo, in tutta Italia, le zeppole sono i dolci tipici della festa del papà, preparati per festeggiare e celebrare la figura di San Giuseppe.

peppino.foto Forse voi non lo sapete, ma a Napoli, non è San Giuseppe senza zeppola. Non è festa del papà senza zeppola. Qui a Napoli sono un vero simbolo, un appuntamento fisso! E si sa, agli appuntamenti, soprattutto quelli dolci, non si può mai mancare! Potete prepararle al forno o fritte, ciò che conta è mangiarle!

Se pensate che siano di fficili da fare, vi sbagliate! Potrete portare a tavola delle zeppole veramente buone, profumate e fragranti!

Eccovi la ricetta, come la faceva mammà!

Ingredienti

250 ml di acqua ,6 g di sale, 150 g di burro, 250 g di farina, 6 uova medie

Preparazione

Zeppole di San Giuseppe fritte

Per preparare le zeppole di San Giuseppe fritte, realizzate per prima cosa la crema pasticcera (guarda la ricetta cliccando qui): riscaldate il latte in un pentolino con la metà di una bacca di vaniglia e i suoi semi; sbattete in una ciotola, con la frusta, il tuorlo e lo zucchero (1) quindi aggiungete la farina. Con una pinza, eliminate la bacca e versate il latte riscaldato sul composto a filo (2), amalgamando con la frusta. Riportate il composto sul fuoco e mescolate continuamente fino a che la crema non si sarà addensata (3). Trasferite la crema pasticcera in una ciotola e fatela raffreddare conservandola con un foglio di pellicola a contatto.

Zeppole di San Giuseppe fritte

Preparate ora l’impasto delle zeppole: in un pentolino dal fondo spesso ponete il burro a pezzetti e versate l’acqua (4), unite il sale (5) e portate lentamente ad ebollizione, rimestando con un cucchiaio di legno (6).

Zeppole di San Giuseppe fritte

Non appena il burro sarà sciolto e l’acqua bollirà, togliete il pentolino dal fuoco e versate al suo interno la farina setacciata (7); riportate il pentolino sul fuoco e amalgamate gli ingredienti con una frusta all’inizio (8) e poi continuate a mescolare con un cucchiaio di legno per ottenere una palla compatta (9). Girate il composto fino a quando vedrete formarsi una patina biancastra sul fondo del pentolino (ci vorranno circa 10 minuti).

Zeppole di San Giuseppe fritte

Spegnete il fuoco e aggiungete lo zucchero (10), mescolate bene per incorporarlo al composto (11), poi versate l’impasto in una ciotola e lasciatelo intiepidire (12).

Zeppole di San Giuseppe fritte

Una volta tiepido, trasferite l’impasto in una ciotola e unite la scorza del limone grattugiata  (13) e le uova (14), una alla volta, aggiungendo la seguente solo quando la precedente sarà stata completamente assorbita (oltre che con un mestolo di legno, potete compiere questa operazione servendovi delle fruste di uno sbattitore o la foglia di una planetaria). Alla fine dovrete ottenere un composto liscio e omogeneo che facendolo cadere con una paletta o un mestolo, formerà una specie di “nastro” (15), come si dice in gergo. Trasferite il composto ottenuto in una sac-à-poche con bocchetta stellata.

Zeppole di San Giuseppe fritte

Ritagliate dei quadrati di carta forno che abbiano i lati di 8 cm e spremete sopra ogni quadrato un dischetto di pasta del diametro di 5 cm che formerete con un movimento a spirale (16). Sul bordo esterno di ogni dischetto sovrapponete un anello di pasta come per formare una scodellina (17). Modellate così circa altre 7 zeppole o finchè il composto non sarà terminato (18).

Zeppole di San Giuseppe fritte

In un tegame dal bordo alto, ponete dell’olio per friggere che porterete a una temperatura compresa tra i 160° e 170° C: l’olio non deve essere bollente, deve friggere dolcemente permettendovi di rigirare le zeppole più volte perché si possano gonfiare uniformemente. Quando l’olio avrà raggiunto la temperatura ideale, immergete non più di 1-2 zeppole ancora attaccate ai quadrati di carta forno (19) sulle quali sono appoggiate; la carta si staccherà da sola dopo qualche secondo  e  potrete quindi toglierla dall’olio servendovi di una pinza da cucina. Rigirate le zeppole più volte nell’olio caldo fino alla completa doratura (20), quindi sgocciolatele con una schiumarola (21) e

Zeppole di San Giuseppe fritte

ponetele a scolare dell’olio in eccesso su più fogli di carta assorbente da cucina. Quando avrete fritto tutte le zeppole spremete la crema pasticcera, che avrete trasferito in una sac-à-poche con bocchetta stellata, al centro delle zeppole (22). Guarnite le zeppole con un’amarena sciroppata, o una ciliegia candita, sulla sommità del ciuffo di crema (23), trasferite le zeppole su di un piatto da portata (24) e servite le vostre zeppole di San Giusepppe fritte! (ricetta e foto da Giallo Zafferano)

zeppola7 Eccovene una appena fatta! Na’ vera bontà, parola di Peppino.

Ah, dimenticavo… auguri a tutti i Giuseppi, Peppi, Peppini, e, ovviamente, a tutti i papà! peppino.foto

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...