India: Sulla Via dei Templi

KANCHIPURAM

isabella.diario“Uomini, donne, bambini, tutti, perfino le bestie spiavano il cielo. Di solito, qualche giorno prima che scoppi il monsone si alza un vento violento. il Cielo si oscura. Le nuvole invadono la terra. Rotolano le une sulle altre come il cotone quando viene cardato. Corrono sfiorando i campi, a una velocità fantastica…..

Caro diario, siamo partiti dalla capitale con un cielo che sembrava pronto a salutarci con un incredibile temporale per raggiungere Kanchipuram, una delle città sante dell’India, meta di pellegrini induisti e sede di templi incredibilmente spettacolari…

Ekambareswarar Temple

Questa piccola città, a partire dalla fine del III secolo d.C.fu capitale della dinastia dei Pallava ed ebbe il suo apogeo nei secoli VII e VIII, quando ebbe intensi scambi commerciali con l’Indonesia e la Cina e si arricchì di templi dedicati a Vishnu e Shiva.

I templi sono concentrati nella parte centrale   della città e il più importante è l’Ekambareshvara mandir (nome per me davvero impronunciabile!) costruito nel 1500 e dedicato al culto shivaita.

Nel cortile interno potrete vedere un albero di mango di età millenaria. Questo albero è oggetto di grande venerazione perché la tradizione ne fa il luogo del matrimonio fra Shiva e Parvati!!!!

Qui, a differenza di Delhi, tutto è silenzio, tranquillità, pace. Tutto è un richiamo costante alla spiritualità. Dai fiori all’incenso, ai pellegrini che intonano canti di preghiera….

MADRAS/MAHABALIPURAM/PONDICHERRY

Ripartiamo: destinazione Mahabalipuram, antico porto sulla costa del Coromandel, una delle località archeologiche più importanti dell’India. I templi monolitici che visitiamo sono i primi esempi di architettura monumentale dell’India del sud. Stupendi i “cinque fratelli”, gruppo di monumenti monolitici e figure animali scolpite nella roccia.

pranav1 La nostra guida, un simpatico ragazzo indiano di nome Pranav,  ci racconta che  questi cinque templi a forma di carro, le cui pareti sono magistralmente scolpite, prendono il nome dai 5 fratelli Pandava protagonisti del Mahabharata, la grande epopea epica dell’hinduismo…

.I cinque “carri” leggendari di Mamallapuram.

pranav1 I templi indù sono di diverse forme e dimensioni – rettangolari, ottagonali, semicircolari – con diversi tipi di cupole e cancelli, di solito avendo stili diversi a seconda dell’area geografica. Anche se l’architettura dei templi indù è molto varia, quasi tutti hanno principalmente molti elementi in comune. Le sei parti di un tempio sono:

Il Duomo e il campanile: Il campanile del duomo si chiama “shikhara” (vertice), che rappresenta il mitologico Monte Meru, la vetta della montagna più alta. La forma della cupola varia da regione a regione e il campanile è spesso della forma del tridente di Shiva.

La Camera interna: chiamata “Garbhagriha“, ovvero il luogo dove è posta l’immagine della divinità (‘murti‘). Nella maggior parte dei templi i visitatori non possono entrare nel Garbhagriha, e solo i sacerdoti del tempio sono ammessi all’interno.
La Sala: La maggior parte dei templi di grandi dimensioni hanno una sala per far sedere il pubblico. Questa è anche chiamato il ‘nata-Mandira‘ (sala per la danza) dove, in tempi antichi, le danzatrici o “Devadasis” eseguivano rituali di danza. I devoti utilizzano la sala per sedersi, meditare, pregare o cantare.
Il Portico: Questa area di solito ha una grande campana metallica che pende dal soffitto. I devoti che entrano ed escono suonano questa campana per annunciare il loro arrivo e la partenza.
Il Serbatoio: Se il tempio non è in prossimità d’una sorgente idrica naturale, un serbatoio d’acqua dolce viene custodito nei locali del tempio. L’acqua viene utilizzata per i rituali, così come per mantenere il pavimento pulito o anche per un bagno rituale.
Il Passaggio pedonale: La maggior parte dei templi hanno una passerella intorno alle pareti della camera interna per la circum-deambulazione dei devoti in segno di rispetto.

isabella.diario Pranav è davvero preparatissimo sull’architettura! Pranav, come fai a conoscere tutte queste informazioni? e tutte queste storie? Scommetto che le tramandate di generazione in generazione….

pranav1 Beh, io sono laureato in storia. Inoltre noi indiani siamo molto attenti alle tradizioni del nostro paese….e comunque io sono un vero appassionato dei film di Bollywood…….

peppino.fotoChe è sto Bolliwud???

isabella.diario Caro…poi ti spiego….

Si fa sera… Pranav ci accompagna in in grazioso ristorante dove gusteremo i “samosa”, dei graziosi fagottini ripieni di verdure. Ci attende un sonno ristoratore e domani di nuovo in viaggio…

 Foto: Tour Sulla Via dei Templi 
Annunci

One thought on “India: Sulla Via dei Templi

  1. Pingback: Peppino e l’Abu Dhabi Food Festival | I Tripaziello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...