Perchè #New York è anche Solidarietà

sofia.foto

Caro diario, oggi Jo ci ha portato con sè alla mensa dei poveri. Sì, perchè lui e altri vigili del fuoco sono impegnati come volontari tutte le sere, quando non sono di turno. Servono i pasti caldi ai senzatetto. Homeless, come li chiamano qui.

jo “Eh sì, cari amici. Purtroppo dopo un decennio in cui il numero di senza tetto per le strade della città è calato, scendendo del 25%, quest’anno si è assistito a un aumento del 6%, per un totale di 3.357 senza tetto. A questi si vanno ad aggiungere il numero record di senza tetto che vivono nei rifugi e ricoveri pubblici: sono 57.676. Sembra di parlare di altri tempi…eppure….

Noi facciamo quello che possiamo…Un pasto, una doccia calda e dei vestiti….”

mensa poveri0000001

 

“Qui abbiamo conosciuto Frank, un altro volontario, che è anche “ospite” della caserma dei pompieri. Cioè vive lì…!”

frank “Hello guys! My name is Frank, but Jo mi chiama Franco! “

peppino.fotoOhé Frank, piacere di conoscerti. Chista è la mia famiglia, mai family. Mia moglie Isabbella, mio figlio Ciro e mia figlia Sofia. L’altro ragazzo, Tony sta in Africa…io sò Peppino!”

frankPeppino! Nice to meet you! I also have a family, but they are not in New York. They stay in Connecticut….  Anche io ho famiglia, ma non sono qui, sono in Connecticut!”

sofia.foto Frank sospira quando parla della sua famiglia…gli occhi un pò lucidi… ci racconta la sua storia:

frank “You see me now in this situation. But in the past it was different. Mi vedete in questa situazione, ma in passato è stato diverso! Io sono un ex bancario. Eh si…Uno di quelli che lavoravano nella “financial city”. Stavamo bene allora: attico a Manhattan, ragazzi nelle migliori scuole, vacanze alle Bahamas… Poi il crack finanziario. Perso tutto: impiego, casa, risparmi…. Ho dovuto mandare moglie e figli a vivere con i miei genitori.”

peppino.fotoOddio Franc… ma nun potevi annà ‘nche tu con loro? Io sono lontano da mio figlio da pochi giorni e mi manca tantissimo!!

frank “Eh, avrei potuto Peppino. But my clients,  i miei clienti sono tutte brave persone. Piccoli imprenditori, negozi, famiglie… anche loro hanno perso tutto con questa crisi. Non potevo lasciarli così. Faccio piccoli lavoretti per la caserma dei pompieri, lavo i piatti, cucino per i pompieri. E poi faccio piccoli lavoretti. E vivendo da solo riesco anche a mettere via qualche dollaro. E man mano li ripago dei risparmi che hanno perso…. quando li avrò rimborsati tutti potrò partire e ricongiungermi con la mia famiglia, con my family! In fondo mica sto male… Ci sono situazioni peggiori, credetemi!  E my wife, mia moglie è splendida. Ha capito ed è daccordo con me, quindi  mi aspetta….”

jo “Peppino, la crisi ha messo in ginocchio tante famiglie “normali”; i genitori hanno perso il lavoro ed è nato il fenomeno del “doubled-up”, cioè più famiglie vivono insieme non per scelta propria. I distretti scolastici hanno riferito che circa 76 mila  alunni vivono per conto proprio, in strada… e si avvicina l’inverno…”

sofia.foto  Per fortuna Jo e Frank non sono gli unici ad aiutare i meno fortunati: Mark Bustos è un barbiere che durante la settimana lavora in uno studio di parrucchieri di Manhattan e la domenica la dedica ai senzatetto. E quando dico la dedica intendo proprio che dona il suo tempo e il suo mestiere ai clochard della città. Forbici e pettine  alla mano, Mark li rimette a nuovo.

E che dire di Lawrence Deprimo, un poliziotto di 25 anni, che dopo aver  scambiato qualche chiacchiera col senzatetto, ha “scoperto” il suo numero di scarpe. È entrato in un negozio e gli ha comprato un paio di stivali e delle calze termiche!
Il poliziotto di NY e il senzatetto scalzo: la foto che ha commosso l’America.

Sì, New York è una città capace di tutto… anche di solidarietà… e io non posso fare a meno di chiedermi…. e noi?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...