New Amsterdam, New York City

isabella.diario Dopo una fantastica giornata passata tra avi e Miss Liberty, eccoci di nuovo in giro per la città, addobbata per Natale… New York è davvero una città unica, bella d’estate ed incredibilmente suggestiva d’inverno. La città che non dorme mai, la città dai tombini fumanti e dalle mille luci di Brodway…

Ma prima dell’arrivo degli europei, quest’area era occupata dalle tribu indiane Algonchine.

ny1

Il primo esploratore europeo ad arrivare all’isola di Manhattan fu l’italiano Giovanni da Verrazzano nel 1524. Giovanni aveva attraversato l’Atlantico a bordo di una piccola caravella con una cinquantina di uomini. Descrisse questa terra come “una grande insenatura”, pensando che fosse l’inizio dell’Oceano Pacifico, convinto di poter arrivare direttamente alle coste della Cina. Ovviamente si sbagliava.

Passò più di un secolo prima che un altro esploratore, Henry Hudson, inglese ma al servizio della Compagnia olandese delle Indie, tornasse a calpestare questa terra. Nel 1624 le prime famiglie olandesi si trasferirono nell’istmo che sarebbe diventato Manhattan, comprato dai nativi americani in cambio di merce, per lo più paccottiglia, per un valore di circa 25 dollari. La città fu chiamata New Amsterdam.

nyny2

Gli inglesi non la presero bene e poco dopo si ripresero quella terra, ribattezzandola New York in onore del duca di York. Nel secolo successivo i malumori aumentarono fino ad arrivare alla rivolta, alla conseguente Guerra di Indipendenza e alla liberazione di New York dagli inglesi nel 1783: in quegli anni Manhattan contava 33.000 abitanti.

ny3 ny4

A metà dell’Ottocento cominciarono ad arrivare le prime ondate di immigrati, soprattutto tedeschi e irlandesi: una fonte di mano d’opera utilissima per intraprendere nuove opere, a costi veramente irrisori. Con gli immigranti arrivarono anche le epidemie: febbre gialla e colera, dovute alle condizioni di vita davvero malsane.

La popolazione raggiunse i 3 milioni di abitanti in pochissimo tempo. Furono costruite linee ferroviarie di superficie e la metropolitana. I ricchi si spostarono creando quartieri residenziali lungo la Fifth Avenue, i poveri verso il Bronx e Brooklyn.

Con l’invenzione della lampadina da parte di Thomas Edison, nacque l’illuminazione pubblica. Fu costruito il Brooklyn Bridge.

ny6  

Il ‘900 inizia con la nascita dei sindacati per consentire i diritti base ai lavoratori, l’apertura della Grand Central Station e l’inizio del proibizionismo. Inizia l’era del Jazz e dei locali clandestini fino al crollo di Wall Street del 1929 .

ny5

Molta gente finisce sul lastrico ma, per assurdo, alcuni tra i piu importanti grattacieli nascono proprio in questi anni: l’Empire State Building, il Chrysler Building e il Rockefeller Center.

La

Con il dopoguerra la città si risolleva. E’ il periodo di boom economico, rinasce la “city finanziaria” e continuano tensioni tra immigrati latini e afroamericani. Nuova crisi negli anni 70….

ma ecco gli anni 80. Arrivano i turisti europei, grazie alle tariffe aeree e al crollo del dollaro. Viene completato il World Trade Center.

... Torri Gemelle vista con gli occhi di una ragazza italiana delle Valli

New York non smette mai di stupirci. Cade e si risolleva facilmente. Nel 1990 il divario tra le classi sociali è enorme. Aumentano gli homeless, i furti e la violenza.

Il sindaco Rudolph Giuliani usa il pugno duro. Migliora la reputazione della città e riparte l’economia. New York sta cambiando, tornano gli investitori. Supera il più grande attentato terroristico agli Stati Uniti: il crollo delle Torri Gemelle l’undici settembre 2001.

Oggi è nuovamente in piedi. Febbrile, e con un fascino irresistibile. Una città che ti avvolge, che ti rende suo. Una città di cui  ci si può solo innamorare.
Empire State Building, New York City. from, to...

Empire State Building, New York City. from, to Chrysler Bldg. and Queensboro Bridge, low viewpoint (Photo credit: Wikipedia)

Related articles
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...